Dormibene - scegliere il materasso

Come scegliere il materasso giusto.

 

Dopo che Vi siete informati sulle varie tipologie di materassi e sui materiali che li compongono, rivolgetevi ad un centro specializzato sul riposo, ben fornito sia di aziende di qualità e di esperienza, che di personale qualificato che vi saprà affiancare nella scelta del vostro materasso.
Prima di entrare in un negozio abbiate la consapevolezza che non state acquistando un oggetto di arredamento, ma un bene prezioso e fondamentale su cui passerete un 1/3 della vostra vita, e quindi dedicategli tutto il tempo necessario e qualche euro in più se ci tenete al benessere del vostro corpo.
Ora la prima domanda che quasi tutti i clienti si fanno è: qual'è il materasso migliore? Il lattice? Il molle indipendenti? Il memory? Il Poliuretano? La risposta è semplice, non c'è il materasso ideale per tutti, ma il più adatto alle vostre abitudini, alla vostra costituzione fisica, alle vostre problematiche a carico della colonna vertebrale, alle vostre allergie e altro ancora.
Ecco che a questo punto entra in gioco la figura professionale del venditore specializzato, che come prima cosa vi farà un serie di domande sul tipo di letto che avete e se avete particolari esigenze, poi dopo essersi fatto un'idea su di voi, vi farà passare al test pratico di distesa su alcuni alcuni tipi di materassi e supporti che riterrà più adatti a voi. Non siate scettici o timidi nel provare i materassi, questo è importante poichè le sensazioni che proverete sui diversi sistemi letto sarà determinante sulla scelta finale. E' come provare un vestito, un paio di scarpe, che vanno sentiti addosso per accertarne la comodità. Ecco per i materassi è la stessa cosa, bisogna sentire se ci sostengo bene i pieni (bacino e spalle) e riempiono bene i vuoti (zona lombare e fianchi).
Dimenticatevi della vecchia e sbagliata concezione che il materasso deve essere per forza duro per far bene alla schiena, e che al duro vi dovete abituare che dopo state meglio. Niente di più sbagliato, basta pensare che la colonna è fatta a forma di S e che se il materasso è troppo duro, quando ci sdraiamo in posizione supina, il corpo poggerà solo sulle sporgenze di spalla e bacino, e quindi la zona lombare non essendo riempita tenderà ad appiattirsi, creando una tensione muscolare ed una posizione innaturale delle vertebre, ed ecco che immancabilmente vi viene il classico mal di schiena. Inoltre quando il materasso è troppo duro crea dei fastidiosi punti di pressione che non aiutano la vostra microcircolazione sanguigna, ma al contrario possono portare a formicoli e senzazioni di torpore nelle braccia e nelle gambe.
Viceversa se il materasso è troppo morbido, nella posizione supina la vostra colonna perderà la sua curvatura naturale, e si avrà un aumento della cifosi (effetto gobba) e una perdita della lordosi (curva zona lombare) con conseguenti dolori muscolotensivi che si presenteranno al risveglio. Ci vuole il giusto equlibrio tra comfort e rigidità, e cioè il primo tratto del materasso deve essere elastico e capace di seguire le curve fisiologiche della colonna e sostenere le zone sporgenti quanto basta a mantenere le curve in posizione naturale.
A questo punto vi chiederete: ma come si fa a capire quando si prova un materasso in un negozio per 5/10 minuti quello che fa bene alla mia colonna? Quando fate la prova sdraiati sulla schiena, passate un braccio nella zona lombare, se passa con troppa faciltà vuol dire che il materasso non aderisce e non segue, e che quindi è troppo duro, se invece passa con troppa fatica vuol dire che curvate troppo la schiena e che quindi il materasso è troppo morbido.
Un'altro fattore determinante nella scelta è la capacità di traspirazione e di dispersione del calore del corpo, un problema importante soprattutto per le persone che sudano molto. Su questo c'è da fare un pò di chiarezza poichè c'è molta confusione in merito, soprattutto l'errata convinzione che i materassi in lattice oppure in memory fanno sudare di più o che addirittura ammuffiscono. Questo purtroppo in parte è vero, poichè sul mercato si trovano prodotti di bassa qualità che con il fatto che costano poco attirano molte persone che poi si ritrovano materassi di gommapiuma che non traspirano, si deformano e che in alcuni casi fanno la muffa.
Sappiate che come in tutti i prodotti, quando si scelgono aziende qualificate e conosciute per la loro esperienza e serietà, questo rischio non si corre. I materassi in Lattice o Memory foam di buona qualità, hanno la struttura a celle aperte e sono tra i più traspiranti e ventilati, vanno però posizionati su doghe di legno di faggio non più larghe di 7 cm distanziate tra di loro da almeno 3/4 cm per agevolare la dispersione del sudore e del calore corporeo. Per le persone che soffrono di lombosciatalgie frequenti, artrosi diffuse, ernie del disco, cattiva circolazione sanguigna, sono molto d'aiuto i materassi in memory foam, che per le loro proprietà anti pressione riescono ad alleviare quelle dolenzie che altri materassi invece possono accentuare.
I migliori memory di aziende qualificate, hanno ottenuto la certificazione di dispositivo medico di classe 1, hanno quindi proprietà anche antidecubito sia a livello preventivo che curativo, e per i soggetti con patologie a carico della colonna vertebrale o cattiva circolazione sono detraibili come spese mediche.
Per i soggetti allergici la scelta del materasso non è più limitata solo ad alcuni modelli, infatti nei centri specializzati potrete trovare tutte le tipologie di materassi in versione anallergica, cioè con rivestimenti in tessuto speciale antiacaro e antibatterico con pratico lavaggio in lavatrice. Per concludere, la scelta del materasso giusto per voi sarà certa e affidabile se vi rivolgerete in un negozio qualificato e che dispone di una vasta scelta di materassi delle migliori aziende, dove avrete la possibilità di provare sul posto il materasso più adatto a voi con l'aiuto di personale competente ed esperto del settore.
sleeping
postura
mal di schiena
rete doghe